logo stampa sportello


Una montagna per tutti
turismo, disabilità e fruizione del territorio montano


È stato ufficialmente presentato il 15 settembre scorso presso la Sala Marmi della Provincia di Torino il progetto transfrontaliero " Una montagna per tutti: turismo, disabilità e fruizione del territorio montano ".

Altre presentazioni avranno luogo in territorio francese e in Val Sangone.

Approvato e finanziato dal comitato di programmazione INTERREG III A - ALCOTRA, il progetto europeo di cooperazione transfrontaliera italo-francese vede il coinvolgimento di numerosi enti ed organismi italiani e francesi dei territori a cavallo delle "Alpi olimpiche", nell'attuazione e finanziamento degli interventi programmati.

Il progetto, nato nel quadro del protocollo Alte Valli (accordo di cooperazione siglato nel 2000 tra sei Comunità Montane della Provincia di Torino e sei Communauté de Communes francesi), è stato realizzato dalla Comunità Montana Val Sangone, in partenariato con la Communauté des Communes du Brianconnaise e la Provincia di Torino con il C.I.D. - Centro Informazione Disabilità -, il Servizio Programmazione turistica e sportiva e il Servizio Parchi.

"Una montagna per tutti" si propone di creare un sistema di interventi per favorire l'accesso alle risorse turistico-culturali dei territori montani a cavallo dei territori italo francesi, alle persone con abilità diverse o difficoltà sensoriali (anche temporanee).

L'obiettivo consiste nell'avviare un processo per la realizzazione di un territorio accessibile ed adeguato ad esigenze logistiche diversificate.

Un impegno affrontato attraverso una rete unitaria del territorio transfrontaliero con iniziative turistiche, culturali, sportive, ludiche e di accoglienza.

Una proposta che coinvolge i territori delle due nazioni e si rivolge ai soggetti sociali più deboli, non meramente attraverso adeguamenti strutturali, ma principalmente con la crescita di una diversa cultura dell'accoglienza, la realizzazione di servizi mirati, un ambiente rassicurante ed adeguato, professionalità specifiche per costruire iniziative di eccellenza rivolte anche al turismo tradizionale.



Per conseguire tale obiettivo, sono state previste le seguenti attività:
separatore definizione di strategie comuni transfrontaliere per la stesura di protocolli e l'elaborazione di standard di qualità in modo da riqualificare il territorio in un'ottica di massima fruibilità per i cittadini svantaggiati;
separatore sviluppo di tecniche di comunicazione bidirezionale sulle risorse del territorio accessibili a soggetti fisicamente svantaggiati o con difficoltà sensoriali, attraverso l'individuazione di un apposito marchio;
separatore individuazione e avvio di interventi strutturali sul territorio e all'interno delle strutture di accoglienza turistica, dei siti culturali e delle risorse naturalistiche;
separatore attivazione di un servizio centralizzato di prenotazione che possa fornire orientamento e assistenza specifica a cittadini con esigenze particolari;
separatore organizzazione di percorsi formativi per operatori del turismo sull'accoglienza dei soggetti svantaggiati;
separatore comunicazione e animazione sulle attività e i risultati del progetto.


Il progetto, finanziato per circa 1.500.000 euro, è stato avviato il primo luglio 2005 con la costituzione degli organismi politici, operativi, di monitoraggio e controllo.
Coordinato dalla Comunità Montana, si concluderà entro il 2006 e lavorerà in sinergia con le attività turistico-culturali e di accoglienza collegate all'evento olimpico e parolimpico.



Servizi Solidarietà Sociale
Ufficio Formazione Interna e Informazione

Referenti:

Annamaria BIDOIA

Telefoni

011.861.3121

Fax

011.660.43.95

e-mail

cid@provincia.torino.it



Obiettivo di PEG 610/2005
Comunicazione 17 del 19/09/05
Ufficio Sistema Informativo
e-mail solsocial@provincia.torino.it





pubblicato: 18-02-2008 - modificato: 05-07-2012





chiudi finestra