logo stampa sportello


Convivenza, coppie di fatto





In Italia sono in crescita la coppie che scelgono, in alternativa o prima del matrimonio , questa forma di unione libera.

Si tratta di un fenomeno relativamente nuovo per il nostro Paese, mentre in altri Paesi europei Ŕ una realtÓ ormai consolidata.

In Italia la convivenza non Ŕ, al momento, disciplinata da nessuna legge specifica. Ci˛ vuol dire che la situazione delle coppie di fatto spesso Ŕ vaga e confusa e i due partner rischiano di vedersi negati alcuni diritti fondamentali, di seguito elencati.

1. Il convivente non pu˛ chiedere permessi di lavoro se il partner si ammala.

2. Il convivente che collabora all'impresa dell'altro non ha nessun diritto. Meglio, quindi, premunirsi con un regolare contratto di societÓ o di lavoro dipendente.

3. Se la convivenza termina, il convivente in stato di bisogno non ha diritto a nessun sostegno economico da parte dell'altro.

4. Se dalla convivenza sono nati dei figli e questi sono ancora minorenni, nel caso in cui la convivenza cessi, vale come per le coppie sposate il criterio dell'affidamento condiviso dei figli. Qualora intendessero rivolgersi a un giudice, Ŕ competente il Tribunale per i Minorenni. Anche dopo la cessazione della convivenza, il genitore mantiene la potestÓ genitoriale e ha l'obbligo di mantenere il figlio che risiede con l'altro partner.
In caso di maltrattamenti di un convivente nei confronti dell'altro, si configura il reato di maltrattamenti in famiglia.

5. Se cessa la convivenza, il proprietario o l'intestatario del contratto d'affitto ha diritto a restare nell'abitazione, salvo un diverso accordo tra le parti. Tuttavia non Ŕ lecito mandare via da casa l'altro convivente e ogni contrasto dovrÓ essere portato davanti al giudice.

6. Se uno dei due conviventi muore e l'appartamento era di sua proprietÓ, quest'ultimo spetta agli eredi legittimi del defunto. Il convivente potrÓ continuare ad abitarlo solo se l'altro lo aveva disposto con testamento in suo favore; se invece la casa era in locazione, il convivente ha diritto a subentrarvi nel contratto.



Per approfondimenti e maggiori informazioni:
- Sulle nuove famiglie
- Sulle coppie di fatto
- Il contratto di convivenza



pubblicato: 25-02-2008 - modificato: 24-02-2012





chiudi finestra