logo stampa sportello


Pensioni per le casalinghe




È una nuova forma di copertura previdenziale volontaria, decisa con la riforma del 1995, riservata a tutti coloro (anche uomini) che si dedicano ai lavori legati alla casa.

Possono iscriversi al nuovo fondo previdenziale chi si occupa della propria famiglia, a condizione che: non presti attività lavorativa dipendente o autonoma e non sia titolare di pensione diretta, di vecchiaia, invalidità, o anzianità (la reversibilità non conta).

L'iscrizione è comunque compatibile con una attività lavorativa ridotta, anche se prestata con carattere di continuità, come nel caso di: part-time verticale (lavoro a giornata piena, ma solo per alcuni giorni della settimana o del mese) o part-time ciclico (solo per alcuni mesi all'anno).

La pensione cui avranno diritto le casalinghe sarà praticamente la stessa di quella prevista per i nuovi lavoratori, assunti dal 1° gennaio 1996 in poi.
Si tratta di una rendita calcolata con il nuovo sistema contributivo. Per ottenerla basteranno soli 5 anni di versamenti e un'età compresa tra 57 e 65 anni.

I requisiti richiesti per acquisirne il diritto sono i seguenti: età non inferiore a 57 anni; minimo contributivo almeno pari a cinque anni; importo della rendita almeno pari all'ammontare annuo dell'assegno sociale maggiorato del 20%.

L'iscritto al fondo delle casalinghe, in presenza di assoluta e permanente impossibilità a svolgere qualsiasi attività lavorativa, può ottenere una pensione di inabilità.
La pensione d'inabilità è riconosciuta a condizione che il richiedente possa vantare almeno cinque anni di versamenti.

Nell'ipotesi in cui l'iscrizione al fondo avvenga in età superiore ai 60 anni, è consentito incrementare l'anzianità contributiva, così da raggiungere il requisito minimo dei cinque anni all'età di 65 anni, mediante versamento della relativa riserva matematica: una sorta di riscatto, simile a quello della laurea.


Per approfondimenti e maggiori informazioni:
-
Il fondo per le casalinghe
- I riferimenti normativi per le casalinghe
- I fondi pensione
- La previdenza per il lavoro domestico
- INPS: calcolo contributi lavoro domestico per il 2011





pubblicato: 20-01-2003 - modificato: 15-11-2011





chiudi finestra