logo stampa sportello


Accordi di programma


In seguito alla Legge n. 104/92 il Ministero dell'Istruzione ha sancito la necessità di una programmazione coordinata di interventi attraverso la definizione degli Accordi di programma finalizzati alla predisposizione, attuazione e verifica congiunta dei progetti educativi, riabilitativi e di socializzazione individualizzati, nonché a forme di interazione tra attività scolastiche ed extrascolastiche.

Essi riguardano:
- le scuole di ogni ordine e grado;
- la formazione professionale regionale;
- le attività scolastiche ed extrascolastiche di studenti in situazione di gravità.

In sede di stipula degli Accordi vengono generalmente previsti: l'istituzione di centri di documentazione, di ludoteche, l'addestramento all'uso di ausili, nonché corsi di aggiornamento comuni per operatori di istituzioni diverse.

Gli Accordi di Programma Provinciali sono finalizzati alla programmazione coordinata delle attività formative, sanitarie, socio-assistenziali, culturali e sportive da realizzare con gli Istituti di Istruzione Secondaria Superiore e i Centri di Formazione Professionale:
- a iniziative di sperimentazione;
- all'acquisto di attrezzature, sussidi e ausili;
- a interventi per favorire la frequenza;
- a iniziative di aggiornamento;
- al superamento delle barriere architettoniche;
- a innovazioni didattiche;
- alla collaborazione, alla consulenza e alla verifica congiunta con i Gruppi di Lavoro Interprovinciali (GLIP).

Gli Accordi di Programma Comunali e Intercomunali sono finalizzati:
- al coordinamento dei servizi scolastici con tutti quelli territoriali ed extrascolastici;
- alla formulazione di Diagnosi Funzionali, Profili Dinamici Funzionali e Piani Educativi Individualizzati;
- all'individuazione delle priorità degli interventi per l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici scolastici di competenza;
- al potenziamento dell'integrazione scolastica.

Possono essere stipulati Accordi di Programma anche relativi alla formazione professionale (Legge 104/92, art. 17, commi 1-2) e all'integrazione lavorativa (ibidem, art. 18).


Per ulteriori informazioni e approfondimenti:
- Handylex



pubblicato: 22-01-2003 - modificato: 18-11-2011





chiudi finestra