logo stampa sportello


Profilo Dinamico Funzionale



Uno dei documenti richiesti dalla Legge 104/92, successivo alla Diagnosi Funzionale, e propedeutico alla stesura del Progetto Educativo Individualizzato (PEI), è il Profilo Dinamico Funzionale (PDF), documento per l'integrazione dei ragazzi portatori di handicap, nelle scuole di ogni ordine e grado.

Esso deve indicare, dopo un primo periodo di inserimento scolastico (circa due mesi dall'inizio dell'attività didattica), il prevedibile livello di sviluppo che l'alunno dimostra di possedere nei tempi brevi (sei mesi) e nei tempi medi (due anni). È redatto, nel passaggio da un ordine di scuola all'altro, da una équipe formata dal referente dell'Unità Multidisciplinare, dalla famiglia, dai docenti curriculari e di sostegno, da eventuali specialisti ed educatori).

L'équipe che accoglie l'allievo deve descrivere:


1. le difficoltà che l'alunno dimostra di incontrare nei diversi settori di attività;

2. lo sviluppo potenziale dell'alunno a breve e medio termine, desunto dall'esame dei seguenti parametri:

- cognitivo, esaminato nelle potenzialità esprimibili in relazione al livello di sviluppo raggiunto (normodotati, ritardo lieve, medio, grave, disarmonia lieve, medio, grave, …);

- affettivo-relazionale, esaminato nelle potenzialità esprimibili rispetto all'area del sé, al rapporto con gli altri, alle motivazioni dei rapporti e all'atteggiamento rispetto all'apprendimento scolastico, con i suoi diversi interlocutori;

- comunicazionale, esaminato nelle potenzialità esprimibili in relazione alle modalità di integrazione, ai contenuti prevalenti, ai mezzi privilegiati;

- linguistico, esaminato nelle potenzialità esprimibili in relazione alla comprensione del linguaggio orale, alla produzione verbale, all'uso del pensiero verbale, all'uso di linguaggi alternativi o integrativi;

- sensoriale, esaminato, soprattutto, in riferimento alle potenzialità riferibili alla funzionalità visiva, uditiva, tattile;

- motorio-prassico, esaminato in riferimento alle potenzialità esprimibili in ordine alla motricità globale, alla motricità fine, alle prassi semplici e complesse ed alle capacità di programmazione motorie interiorizzate;

- neuropsicologico, esaminato in riferimento alle potenzialità esprimibili riguardo alle capacità mnestiche, alla capacità intellettiva e all'organizzazione spazio-temporale;

- autonomia, esaminata con riferimento alle potenzialità esprimibili in relazione all'autonomia della persona e all'autonomia sociale;

- apprendimento, esaminato in riferimento alle potenzialità esprimibili in relazione all'età prescolare e scolare (lettura, scrittura, calcolo, lettura di messaggi, lettura di istruzione pratiche, ecc…).

In via orientativa, l'équipe, mediamente ogni due anni dovrebbe tracciare un bilancio diagnostico e prognostico, finalizzato a valutare la rispondenza del PDF alle indicazioni nello stesso delineate e alla coerenza tra le successive valutazioni. Resta fermo l'obbligo di redigere una nuova versione del PDF all'ingresso in ogni nuovo ordine di scuola.



I parametri evidenziati corrispondono agli assi che sostanziano il documento. Ogni asse si struttura in quattro sezioni: osservazione/descrizione, obiettivi, strumenti e proposte, verifiche.

Si rimarca, pertanto, l'importanza di una pertinente e puntuale osservazione dell'allievo, per descrivere la situazione affettiva e per coglierne le potenzialità, al fine di definire gli obiettivi e le modalità tecniche e procedurali per raggiungerli.



Il PDF è un documento importante, nel quale la scuola dimostra la capacità di accogliere la Diagnosi Funzionale, di saperla tradurre in termini strettamente didattici e di saper progettare in funzione del progetto di vita dell'allievo.

Proprio per questo risulta indispensabile, al di là dei tempi indicati dalla normativa, rivalutare a ogni inizio d'anno scolastico la situazione dell'allievo e operare le opportune modifiche e gli eventuali aggiornamenti.


Per approfondimenti:
- Handylex
- Legge 5 febbraio 1992, n. 104


















pubblicato: 22-01-2003 - modificato: 18-10-2010





chiudi finestra