logo provincia di Torino
vai a areaANZIANI vai a tipoNews
segui il nostro RSS (nuova finestra)    seguici su facebook (nuova finestra)    seguici su twitter (nuova finestra)

cerca nell'archivio
  • tipo ricerca
  •      

Valid XHTML 1.0 Strict   CSS Valido!
WCAG 1.0 (Level A)
A Bologna una rete di servizi per anziani fragili
“E-Care/Oldes”, promosso dalla Regione Emilia-Romagna (24/01/2008)


Migliorare la qualità della vita delle persone anziane, aumentare la consapevolezza della propria condizione di salute e rendere più semplice l'accesso ai servizi socio-sanitari. Il tutto con l'aiuto delle nuove tecnologie: una sorta di Pc semplificato, studiato ad hoc, che mette in collegamento gli anziani, a casa propria, con la città, i servizi che offre e con gli altri utenti. È l'obiettivo del un nuovo progetto dedicato alle persone con più di 65 anni - E-care/Oldes -, finanziato dall'Unione Europea e promosso da Cup 2000 con l'Azienda USL di Bologna, la Provincia, tutti i Comuni del territorio e il centro servizi di volontariato di Bologna (Volabo). 'A Bologna e dintorni - spiega il Volabo - sono sempre di più gli anziani autosufficienti ma rischio di esclusione, ossia persone di età avanzata che si trovano in una situazione precaria di autonomia e salute, con reti famigliari e sociali blande e disinteressate. E-care/Oldes si rivolge a loro'.

Concretamente il progetto, oltre a un sostegno telefonico periodico (una volta a settimana) per permettere agli anziani a rischio di esclusione di migliorare le loro condizioni di salute e segnalare ai servizi socio-sanitari situazioni di difficoltà, prevede di fornire - a 100 persone per cominciare - un Pc collegato in rete a una serie di canali tematici: informazioni utili che vanno dai servizi sanitari, con tutte le spiegazioni di come fruirne, fino alla lista degli artigiani disponibili in città se si hanno problemi domestici. Il target del progetto sono le persone con più di 75 anni autosufficienti, ma in condizioni di solitudine e di fragilità dovuta a vari fattori: funzionali (difficoltà nell'alimentazione, nel movimento, deficit sensoriali), clinici (disturbi respiratori, cardiopatici, patologie con terapie complesse) e sociali (persona che vive in zone isolate, assenza di aiuto di famigliari). Non solo: il sistema informatico permette anche di comunicare con operatori e con altri utenti, in modo da creare vere e proprie comunità in rete.

Il servizio è completamente gratuito e mette a disposizione anche un Numero verde 24 ore su 24 per un supporto relazionale, monitoraggio delle condizioni di benessere, prenotazione di visite specialistiche. Il progetto, per ora sperimentale, si pone l'obiettivo di raggiungere fino a 2000 anziani entro settembre 2008.



Fonte: Redattore sociale , 24/01/2008


pubblicato: 30-01-2008 - modificato: 10-05-2012




FORMATO STAMPA

torna alla pagina precedente    
   vedi anche:

Novità sui Livelli Essenziali di Assistenza
Incremento dei fondi destinati alle cure (30/01/2008)


Per gli anziani tutele nella legge Finanziaria 2008
Aiuti economici, agevolazioni sugli affitti (17/01/2008)


CISL pensionati: «Le farmacie pubblicizzino il prezzo degli equivalenti»
Chiedere di consultare la lista dei farmaci classe C (14/01/2008)


Anziani, agevolazioni IRPEF nella legge Finanziaria 2008
Facilitazioni per anziani e non autosufficienti (08/01/2008)


Check-up gratis per gli indigenti: al via il progetto dell’AUSER
Un pacchetto messo a disposizione dal Villa Borghese Institute (17/12/2007)


Home | Credits | Accessibilità | Termini e condizioni d’uso
Copyright © Città Metropolitana di Torino
Il sito è stato realizzato dall’ATI costituita da Apiceuropa Società Cooperativa, itaùt - information technology automazione di Gianfranco Osenga e da Pierangelo Bassignana
Sportello di informazione sociale - Via Bologna, n. 153 - 10152 Torino, Tel. 011.8614775 - Fax 011.8614844, E-mail: sportellosociale@provincia.torino.it
Numero Verde
  800666060