logo provincia di Torino
vai a areaMINORI vai a tipoNews
segui il nostro RSS (nuova finestra)    seguici su facebook (nuova finestra)    seguici su twitter (nuova finestra)

cerca nell'archivio
  • tipo ricerca
  •      

Valid XHTML 1.0 Strict   CSS Valido!
WCAG 1.0 (Level A)
Muoiono ogni giorno nel mondo 26.000 bambini sotto i cinque anni
Presentato a Roma il Rapporto UNICEF 2008 (22/01/2008)


“Quanto vale la vita?” Con questa domanda si apre il Rapporto UNICEF 2008 “La condizione dell'infanzia nel mondo: nascere e crescere sani”, presentato a Roma dal presidente Antonio Sclavi. Le cifre del Rapporto sono ancora drammatiche: 26.000 i bambini sotto i cinque anni che muoiono ogni giorno nel mondo, nella maggior parte dei casi per cause prevedibili. L'80% delle morti si concentra nell'Africa Subsahariana e nell'Asia meridionale. In particolare tra i Paesi in via di sviluppo è la Sierra Leone a subire il tasso più alto di morte tra i bambini: 270 ogni 1000 nati vivi. Al secondo posto l'Angola con 260 morti ogni 1000, seguito dall'Afghanistan. I casi di miglioramento si registrano invece a Cuba, Sri Lanka e Siria. Le principali cause di morte sono nel 36% dei casi legate a complicazioni neo natali; seguono polmonite (19%), diarrea (17%) malaria (8%), morbillo (4%) e AIDS (3%).

«Per le tradizionali cause di morte dei bambini come le malattie infettive e la diarrea molto si è fatto - ha detto il presidente Sclavi - grazie alle campagne di vaccinazioni proposte da UNICEF negli anni Ottanta e Novanta e grazie alla diffusione dei sali reidratanti per via orale. Arrivando così, per la prima volta nella storia, a ridurre la mortalità dei bambini 0-5 anni sotto i 10 milioni annui, ma le infezioni delle vie respiratorie e la mortalità legata al parto, combinandosi con gli effetti della diffusa malnutrizione cronica e la malaria, continuano a fare strage di neonati e bambini. Per arrivare all'Obiettivo di sviluppo del Millennio numero 4, che prevede la riduzione di due terzi la mortalità infantile entro il 2015, servono analisi costanti della situazioni più a rischio e nuove modalità di intervento, più articolate, sistematiche e complesse. La sfida è garantire che i bambini possano accedere a una assistenza medica continuativa, sostenuta da solidi sistemi sanitari nazionali».



Fonte: Redattore sociale , 22/01/2008


pubblicato: 23-01-2008 - modificato: 02-03-2009




FORMATO STAMPA

torna alla pagina precedente    
   vedi anche:

Save the Children: «La crisi non fermi i provvedimenti per l’infanzia»
Non più rinviabili Garante per l’infanzia e Piano nazionale per l’infanzia (29/01/2008)


Cresce l’uso della rete e un pedofilo online su tre è abusante
I risultati delle indagini di Polizia postale e delle Telecomunicazioni (21/01/2008)


Applicativo di supporto alla stesura di rapporti sullo stato della sostenibilità ambientale
Presentazione il 31 gennaio 2008, dalle ore 8.30 alle ore 13.30 presso la sede della Provincia di Torino di via Valeggio 5, Torino, Sala Auditorium


I pediatri appoggiano la campagna ministeriale sull’uso della televisione
Si tratta della campagna “Bambini e televisione: meglio non distrarsi” (11/01/2008)


Banca del latte materno di Chieti: raddoppiata la raccolta
Nel 2007 ha ricevuto 1.242,877 litri di latte (07/01/2008)


Home | Credits | Accessibilità | Termini e condizioni d’uso
Copyright © Città Metropolitana di Torino
Il sito è stato realizzato dall’ATI costituita da Apiceuropa Società Cooperativa, itaùt - information technology automazione di Gianfranco Osenga e da Pierangelo Bassignana
Sportello di informazione sociale - Via Bologna, n. 153 - 10152 Torino, Tel. 011.8614775 - Fax 011.8614844, E-mail: sportellosociale@provincia.torino.it
Numero Verde
  800666060