logo provincia di Torino
vai a areaIMMIGRAZIONE vai a tipoNews
segui il nostro RSS (nuova finestra)    seguici su facebook (nuova finestra)    seguici su twitter (nuova finestra)

cerca nell'archivio
  • tipo ricerca
  •      

Valid XHTML 1.0 Strict   CSS Valido!
WCAG 1.0 (Level A)
Inserimento lavorativo, otto comuni italiani a confronto
Workshop a Bitonto e Bari per fare il bilancio del percorso compiuto (23/01/2008)


Due giorni di confronto su strumenti e buone prassi per l'inserimento lavorativo dei rifugiati e dei richiedenti asilo. A questo è dedicato il workshop ospitato a Bitonto e Bari nell'ambito del progetto IntegRARsi e partecipato dai rappresentanti degli otto comuni italiani aderenti (con Bitonto ci sono Ancona, Bergamo, Bologna, Forlì, Genova, Roma e Torino) e da operatori di quattro Comuni (in totale sono più di 100) della rete Sprar , il Sistema di protezione dei richiedenti asilo e rifugiati creata dal Governo italiano in attuazione della legge 189/02 (“Bossi-Fini”). Il workshop di Bitonto/Bari avvia la conclusione di un ricco percorso progettuale iniziato nel luglio 2005, grazie ad un finanziamento europeo. Difatti, IntegRARsi (reti locali per l'integrazione dei richiedenti asilo e rifugiati) nasce nell'ambito del programma Equal II fase, con l'obiettivo di contrastare l'esclusione sociale ed economica dei richiedenti asilo e rifugiati. A un mese dalla sua conclusione, prevista alla fine di febbraio 2008, il workshop traccia un bilancio sulle attività realizzate.

Nell'ambito del progetto, sono stati promossi interventi formativi, informativi, di sensibilizzazione e di aggiornamento rivolti ad operatori pubblici e del privato sociale per migliorare la conoscenza della condizione specifica dei rifugiati e dei richiedenti asilo e dei servizi attivi sul territorio, curando anche la sperimentazione di servizi per l'inclusione sociale e professionale dei beneficiari (orientamento e informazione legale, accompagnamento nel disbrigo di pratiche burocratiche, accompagnamento e orientamento al lavoro, mediazione linguistico-culturale). Forte la partnerhip interistituzionale che ha caratterizzato i due anni e mezzo di attività progettuale: assieme all'ARCI e agli otto Comuni figurano ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), OIM/IOM (Organizzazione Internazionale per le Migrazioni), Caritas, CIR (Consiglio Italiano per i Rifugiati), ICS (Consorzio Italiano di Solidarietà), Anciservizi, Censis e FormAutonomie (Centro di Formazione per le Autonomie locali).

Molti i risultati conseguiti: apertura di sportelli sul territorio con interventi di carattere informativo e formativo, attivazione di tirocini formativi con la collaborazione del centro per l'impiego di Bitonto e le ACLI di Bari. Rilevante anche la numerosità dei contatti. In questi anni i beneficiari dello Sportello Bitonto Integra hanno raggiunto quota 133 (dati al 30 novembre 2007) con una netta prevalenza di maschi (88,7%) e di giovani (il 91% ha meno di 36 anni). Concentrata nel Corno d'Africa (Eritrea, Somalia, Etiopia) la provenienza dei rifugiati e dei richiedenti asilo a Bitonto. I lavori del workshop, ospitati oggi presso la sala degli Specchi a Palazzo di Città, si soffermeranno sulle politiche attive per il mercato del lavoro e sull'integrazione lavorativa. Nella mattinata di giovedì 24 gennaio sarà la sede del Comitato Territoriale di Bari dell'ARCI a ospitare (dalle 9.30 alle 16) i lavori di gruppo su “Mercato del lavoro e strategia dell'inserimento”, “Percorsi progettuali per l'inserimento lavorativo: metodi e criticità” e “Comunicazione e trasferibilità”.



Fonte: Redattore sociale , 23/01/2008

Altre fonti: Comune di Bitonto ; Comune di Bari


pubblicato: 23-01-2008 - modificato: 27-02-2009




FORMATO STAMPA

torna alla pagina precedente    
   vedi anche:

Settimo Torinese (To), per 150 senza casa il progetto della “Terra del Fuoco”
Mini alloggi per rom e romeni con un progetto di auto recupero (28/01/2008)


Razzismo sui media, la stampa meglio della televisione
Una ricerca nell’ambito del progetto europeo Equal - Pane e denti (29/01/2008)


«Sulle politiche di inclusione servono fondi vincolati»
Intervento del ministro Ferrero sulla popolazione Rom (23/01/2008)


Finanziati 112 progetti di accoglienza
Vitto, alloggio e assistenza socio-sanitaria, integrazione e tutela (15/01/2008)


In Puglia un nuovo centro per l’inclusione delle persone immigrate
Coinvolgerà migranti, istituzioni e Terzo settore (09/01/2008)


Home | Credits | Accessibilità | Termini e condizioni d’uso
Copyright © Città Metropolitana di Torino
Il sito è stato realizzato dall’ATI costituita da Apiceuropa Società Cooperativa, itaùt - information technology automazione di Gianfranco Osenga e da Pierangelo Bassignana
Sportello di informazione sociale - Via Bologna, n. 153 - 10152 Torino, Tel. 011.8614775 - Fax 011.8614844, E-mail: sportellosociale@provincia.torino.it
Numero Verde
  800666060