logo provincia di Torino
vai a areaVOLONTARIATO E TERZO SETTORE vai a tipoNews
segui il nostro RSS (nuova finestra)    seguici su facebook (nuova finestra)    seguici su twitter (nuova finestra)

cerca nell'archivio
  • tipo ricerca
  •      

Valid XHTML 1.0 Strict   CSS Valido!
WCAG 1.0 (Level A)
Verso un mondo senza pena di morte: approvata la moratoria universale
L’Assemblea Generale dell’ONU dice sì con 104 voti a favore (18/12/2007)


'Un passaggio storico, una tappa decisiva per l'affermazione di una giustizia capace di rispettare sempre la vita, una giustizia senza morte. È una pietra miliare che segna un nuovo standard morale largamente condiviso e che sarà sempre più difficile e imbarazzante ignorare a livello internazionale'. Lo dichiara Mario Marazziti, portavoce della Comunità di Sant'Egidio e coordinatore della Campagna mondiale per la moratoria, commentando l'approvazione da parte dell'Assemblea Generale dell'ONU della risoluzione per una moratoria universale della pena di morte con 104 sì, 54 no e 29 astenuti. 'È il segno di un cambiamento importante nella coscienza del mondo - prosegue Marazziti - che in misura crescente ritiene non più accettabile e una umiliazione del fondamentale dei diritti umani, il diritto alla vita, la morte inflitta dallo stato. È un cambiamento importante nella coscienza del mondo, come in passato per la schiavitù e la tortura'.

'Il grande impegno profuso per 15 anni dai alcuni Paesi per impedire che la Risoluzione venisse presentata e approvata mostra come si tratti di un passaggio davvero storico. È l'inizio di una nuova fase in cui l'ONU è chiamata a monitorare l'implementazione della Risoluzione e la fine delle esecuzioni e della pena di morte come strumento di giustizia diventa un obiettivo qualificante per la comunità internazionale e non solo per le organizzazioni più attive nella difesa dei diritti umani in ogni circostanza. È un contributo decisivo per accelerare un processo che ha già visto dagli anni Novanta oltre 50 Paesi rinunciare all'uso della pena di morte e il suo uso restringersi in molti altri, per un accresciuto rispetto della vita umana e per i crescenti dubbi sulla sua efficacia e correttezza nell'applicazione, anche nei sistemi giudiziari più evoluti'.

'È una vittoria del mondo e della vita, una vittoria della difesa della dignità e dei diritti umani. È una vittoria che è il frutto di una straordinaria sinergia tra governi europei e non europei, davvero cross-regional, e le organizzazioni non governative che hanno lavorato per decenni alla costruzione di un pensiero e di pratiche capaci di immaginare una giustizia senza morte. Il grande lavoro di Paesi come l'Italia, la Francia e l'Unione Europea non sarebbe stato altrettanto efficace senza il grande contributo dei co-autori della Risoluzione e, tra i tanti, Messico, Brasile, Nuova Zelanda, Gabon e Filippine. È un successo che segna anche la fine, nella difesa dei diritti umani, della divisione tra sostenitori della moratoria e sostenitori dell'abolizione: un fronte comune a cui la Comunità di Sant'Egidio ha dedicato un grande impegno, un passaggio indispensabile per l'approvazione della Risoluzione e l'arretramento della pena capitale nel mondo.

I cinque milioni di firme, da 153 Paesi del mondo, richiedenti una moratoria universale consegnati al presidente dell'Assemblea Generale e la crescita del movimento mondiale delle città per la vita già raccoglie 800 città del mondo in maniera attiva contro la pena di morte rappresentano in maniera concreta la richiesta planetaria di un mondo senza più pena di morte e di una giustizia sempre rispettosa della vita e dei diritti umani.

La Comunità di Sant'Egidio continuerà il suo lavoro a fianco delle organizzazioni e dei Paesi africani impegnati nella creazione di un sistema giudiziario senza pena di morte, come pure in Asia e America. Si congratula con l'abolizione della pena di morte nel New Jersey, una prova di un cambiamento nella coscienza internazionale in sintonia con lo storico passaggio all'ONU.

Per festeggiare l'approvazione della Risoluzione da parte dell'Assemblea Generale dell'ONU la Comunità di Sant'Egidio invita tutte le 800 Città per la Vita a illuminare in maniera speciale i loro monumenti-simbolo, a cominciare dal Colosseo di Roma in una Grande Festa Mondiale della Vita nei giorni 24 e 25 dicembre.


Fonte: Redattore sociale , 18/12/2007


pubblicato: 21-12-2007 - modificato: 10-05-2012




FORMATO STAMPA

torna alla pagina precedente    
   vedi anche:

Registro delle associazioni di promozione sociale
Aggiornato a febbraio 2012


Registro delle organizzazioni di volontariato
Aggiornato a febbraio 2012


Gli italiani e l’impegno sociale secondo l’Eurispes
Il Rapporto fotografa lo stato di salute del volontariato in Italia (25/01/2008)


Legambiente, PM10 alle stelle già nei primi giorni del 2008
All’Ilva di Taranto il primato dell’inquinamento industriale (22/01/2008)


Il Forum Sociale Mondiale diventa “diffuso”
Oltre 700 eventi organizzati in 80 Paesi (22/01/2008)


Ecco cosa fare per il disarmo
Controllarmi risponde a Massimo D’Alema (15/01/2008)


Home | Credits | Accessibilità | Termini e condizioni d’uso
Copyright © Città Metropolitana di Torino
Il sito è stato realizzato dall’ATI costituita da Apiceuropa Società Cooperativa, itaùt - information technology automazione di Gianfranco Osenga e da Pierangelo Bassignana
Sportello di informazione sociale - Via Bologna, n. 153 - 10152 Torino, Tel. 011.8614775 - Fax 011.8614844, E-mail: sportellosociale@provincia.torino.it
Numero Verde
  800666060