logo provincia di Torino
vai a areaVOLONTARIATO E TERZO SETTORE vai a tipoNews
segui il nostro RSS (nuova finestra)    seguici su facebook (nuova finestra)    seguici su twitter (nuova finestra)

cerca nell'archivio
  • tipo ricerca
  •      

Valid XHTML 1.0 Strict   CSS Valido!
WCAG 1.0 (Level A)
Aumentati del 30% i servizi offerti nel 2006 dai Centri di Servizio al Volontariato
Presentato dal CSV.net il Report 2006 (11/12/2007)


Hanno erogato nel 2006 quasi 227.000 servizi a più di 100.000 utenti tra associazioni, gruppi informali di cittadini, singoli volontari, il 30% dei servizi in più rispetto al 2005 : è il bilancio dell'attività del Coordinamento nazionale dei 77 Centri di servizio per il volontariato, presenti in 20 regioni italiane I dati sulle attività svolte e sulle risorse economiche sono contenuti nel Report 2006 prodotto annualmente da CSV.net , che sarà presentato in un convegno giovedì 13 dicembre alle ore 14.30 presso la Sala Biblioteca del Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro a Roma.

Le strutture operative a disposizione delle associazioni di volontariato, nel 2006, hanno erogato oltre 135.000 consulenze, hanno fornito 55.000 ore di formazione e più di 20.000 prestazioni nell'ambito della comunicazione offrendo 70.000 servizi di carattere logistico (recapito postale, concessione di spazi, fornitura di fotocopie, prestito di attrezzature) e sostenendo 1700 progetti delle organizzazioni. Lo hanno fatto potendo contare su 72 milioni di euro e grazie all'opera di 3300 lavoratori attivi, tra dipendenti, collaboratori e consulenti e di 1300 volontari. 'A 10 anni dalla nascita dei primi Centri di Servizio in Italia - ha dichiarato Marco Granelli, presidente del Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato - è del tutto evidente come i CSV siano strutture capaci di accompagnare attivamente il volontariato e di aiutarlo a rafforzarsi attraverso l'offerta di servizi tradizionali e innovativi. Ora che la Camera dei deputati discute della riforma della Legge 11 agosto 1991, n. 266 ("Legge quadro sul volontariato") il compito passa nelle mani del legislatore chiamato a sostenere il processo, da noi avviato, di equilibrio tra le regioni attraverso un'equa ripartizione delle risorse finanziarie sui territori'.



Fonte: Redattore sociale , 11/12/2007


pubblicato: 12-12-2007 - modificato: 10-05-2012




FORMATO STAMPA

torna alla pagina precedente    
   vedi anche:

Registro delle associazioni di promozione sociale
Aggiornato a febbraio 2012


Registro delle organizzazioni di volontariato
Aggiornato a febbraio 2012


Gli italiani e l’impegno sociale secondo l’Eurispes
Il Rapporto fotografa lo stato di salute del volontariato in Italia (25/01/2008)


Legambiente, PM10 alle stelle già nei primi giorni del 2008
All’Ilva di Taranto il primato dell’inquinamento industriale (22/01/2008)


Il Forum Sociale Mondiale diventa “diffuso”
Oltre 700 eventi organizzati in 80 Paesi (22/01/2008)


Ecco cosa fare per il disarmo
Controllarmi risponde a Massimo D’Alema (15/01/2008)


Home | Credits | Accessibilità | Termini e condizioni d’uso
Copyright © Città Metropolitana di Torino
Il sito è stato realizzato dall’ATI costituita da Apiceuropa Società Cooperativa, itaùt - information technology automazione di Gianfranco Osenga e da Pierangelo Bassignana
Sportello di informazione sociale - Via Bologna, n. 153 - 10152 Torino, Tel. 011.8614775 - Fax 011.8614844, E-mail: sportellosociale@provincia.torino.it
Numero Verde
  800666060