logo provincia di Torino
vai a areaMINORI vai a tipoNews
segui il nostro RSS (nuova finestra)    seguici su facebook (nuova finestra)    seguici su twitter (nuova finestra)

cerca nell'archivio
  • tipo ricerca
  •      

Valid XHTML 1.0 Strict   CSS Valido!
WCAG 1.0 (Level A)
L’OCSE boccia gli studenti italiani
Rapporto sui 30 Paesi OCSE più altri 17 Paesi (04/12/2007)


Se la cavano male con la matematica, le scienze e la lettura. È una vera e propria stroncatura quella che i quindicenni italiani incassano nel Rapporto OCSE-PISA ( Programme for International Student Assessment) 2006, presentato a Roma in contemporanea con Parigi. E con loro, di fatto, viene bocciata anche la scuola superiore italiana (in particolare gli istituti professionali) che tanto poco ha saputo trasmettere ai suoi ragazzi da far precipitare l'Italia nei gradini più bassi delle classifiche internazionali. L'Italia, infatti, secondo il Rapporto, è 36° nel campo delle scienze: davanti a noi, in vetta alla classifica, Finlandia, Hong Kong, Canada, Taipei (Cina). L'Italia è poi al 38° posto nel settore della matematica, con un punteggio ampiamente inferiore alla media OCSE. Tra i più bravi, invece, figurano ai primi posti Taiwan, Finlandia, Hong Kong, Corea e Olanda. Infine, non va bene neppure l'ambito della competenza in lettura: i ragazzi di 15 anni italiani sono al 33° posto. Tra i più bravi al mondo, ai primi posti, coreani, finlandesi, i ragazzi di Hong Kong, i canadesi e i neozelandesi.

Il Rapporto OCSE-Pisa si svolge su un campione di quindicenni in tutti e 30 i Paesi dell'OCSE più altri 17 Paesi del resto del mondo. L'Italia ha partecipato con 21.773 ragazzi di 15 anni e 803 scuole tra medie inferiori, superiori e centri di formazione professionale. Il nostro Paese era già stato stroncato nel 2003 nell'indagine approfondita sulla matematica. Quest'anno il tema di approfondimento sono le scienze e i risultati non sono migliori.

I test che dovevano riscontrare le conoscenze dei ragazzi e la loro capacità di comprensione hanno dato risultati non incoraggianti: l'Italia ha un punteggio medio di 475 contro una media OCSE di 500 e una media UE di 497. Il 25,3% dei ragazzi si colloca sotto il livello 2, quello delle competenze di base. Tra i Paesi con punteggi più alti, in vetta alla classifica, Finlandia (563), Hong Kong (542), Canada (534). Peggio di noi fanno, invece, in UE, Grecia, Portogallo, Bulgaria e Romania. In matematica non va meglio: l'Italia e al posto 38 con 462 punti, contro una media OCSE di 498. I ragazzi vanno molto meglio delle ragazze. Ma, in totale, il 32,8% degli studenti si colloca al livello 2, uno tra i più bassi.

In vetta alla classifica OCSE, invece, Taiwan (549), Finlandia (548), Hong Kong (547), Corea (547). Fanalini di coda, i Paesi del Sud-America, la Grecia, la Turchia. Ma, ad esempio, la Lituania e la Slovenia fanno meglio di noi. I quindicenni italiani, infine, non si salvano neanche con la competenza nella lettura: l'Italia ha 469 punti contro i 492 della media OCSE che piazzano il Paese al posto 33. In questo ambito le ragazze stravincono sui colleghi maschi. Ma gli Italiani restano indietro comunque. I più bravi al mondo, ai primi posti, sono Corea (556), Finlandia (547), Hong Kong (536) e Canada (527).



Fonte: Redattore sociale , 04/12/2007


pubblicato: 05-12-2007 - modificato: 02-03-2009




FORMATO STAMPA

torna alla pagina precedente    
   vedi anche:

Save the Children: «La crisi non fermi i provvedimenti per l’infanzia»
Non più rinviabili Garante per l’infanzia e Piano nazionale per l’infanzia (29/01/2008)


Cresce l’uso della rete e un pedofilo online su tre è abusante
I risultati delle indagini di Polizia postale e delle Telecomunicazioni (21/01/2008)


Muoiono ogni giorno nel mondo 26.000 bambini sotto i cinque anni
Presentato a Roma il Rapporto UNICEF 2008 (22/01/2008)


I pediatri appoggiano la campagna ministeriale sull’uso della televisione
Si tratta della campagna “Bambini e televisione: meglio non distrarsi” (11/01/2008)


Banca del latte materno di Chieti: raddoppiata la raccolta
Nel 2007 ha ricevuto 1.242,877 litri di latte (07/01/2008)


Psicofarmaci, a Trento associazioni e istituzioni discutono il progetto di legge
Il testo prevede, tra l’altro, il divieto di test psicopatologici nelle scuole (08/01/2008)


Home | Credits | Accessibilità | Termini e condizioni d’uso
Copyright © Città Metropolitana di Torino
Il sito è stato realizzato dall’ATI costituita da Apiceuropa Società Cooperativa, itaùt - information technology automazione di Gianfranco Osenga e da Pierangelo Bassignana
Sportello di informazione sociale - Via Bologna, n. 153 - 10152 Torino, Tel. 011.8614775 - Fax 011.8614844, E-mail: sportellosociale@provincia.torino.it
Numero Verde
  800666060