logo provincia di Torino
vai a areaFAMIGLIE vai a tipoNews
segui il nostro RSS (nuova finestra)    seguici su facebook (nuova finestra)    seguici su twitter (nuova finestra)

cerca nell'archivio
  • tipo ricerca
  •      

Valid XHTML 1.0 Strict   CSS Valido!
WCAG 1.0 (Level A)
Nasce a Bologna la prima esperienza locale di “comunità di vicinato”
Famiglie e single si scelgono a vicenda e decidono di vivere insieme (04/12/2007)


C'erano una volta le Comuni, ora c'è il co-housing. Nasce a Bologna la prima esperienza locale di "comunità di vicinato": gruppi di famiglie e single che si scelgono a vicenda e decidono di vivere insieme, mantenendo ciascuno l'autonomia della propria abitazione privata, ma condividendo spazi comuni di socialità e servizi e uno stile di vita equo-solidale e rispettoso dell'ambiente.

A proporre questa esperienza è il gruppo Ecologisti Spa (Socialità per azioni di ecologia attiva), costituito nell'ambito della Federazione Verdi di Bologna, che ha già raccolto l'adesione di alcune coppie. 'Il co-housing - spiega Roberta Rendina, dell'esecutivo dei Verdi bolognesi - è nato in Scandinavia negli anni Sessanta ma oggi è diffuso, oltre che nel Nord Europa, anche negli Stati Uniti, Canada e Australia. È un'evoluzione dell'esperimento sociale delle Comuni e degli eco-villaggi degli anni Settanta. Ma mentre allora le famiglie tenevano tutto in comune, cassa compresa, oggi i singoli nuclei che vivono in co-housing conservano la propria autonomia: si condividono però spazi e risorse che possono essere, ad esempio, una stanza adibita a micro-nido per i bambini, oppure la cucina o la lavanderia, una palestra, la gestione di un orto o di un giardino'.

Si può avviare un progetto di co-housing in campagna, ristrutturando un casale, ma anche in un condominio di città. 'Di solito - aggiunge Rendina - si comincia da un gruppo di famiglie e di persone che si "scelgono" a vicenda per ritrovare dimensioni perdute di socialità, mutuo aiuto e buon vicinato. E si parte dalla ristrutturazione di uno stabile in chiave ecologica, con pannelli fotovoltaici e criteri di risparmio energetico, per uno stile di vita a basso impatto ambientale'. Per il co-housing è importante che alla base ci sia una "progettazione partecipata", con i vicini della comunità (da 20 a 40 unità abitative) che decidono insieme quali saranno gli spazi privati e quelli destinati ai servizi comuni e alle relazioni sociali. Altre esperienze di co-housing, in Italia, sono state avviate a Milano, Roma, Torino e Modena. E un esperimento di "condominio solidale" esiste anche sul territorio bolognese, a Pioppe di Salvaro, dove l'Associazione Comunità Famiglia (ACF) dell'Emilia Romagna ha promosso un'esperienza di vita comunitaria tra nuclei familiari.



Fonte: Redattore sociale , 04/12/2007


pubblicato: 05-12-2007 - modificato: 05-12-2007




FORMATO STAMPA

torna alla pagina precedente    
   vedi anche:

Progetto Yesme
percorsi di intervento a favore di giovani disoccupati


Contributo alla locazione
Bando riduci affitto


Edilizia pubblica: nelle Marche programma straordinario da 10 milioni di euro
Previsti 138 interventi su elenchi di interventi prioritari (29/01/2008)


Unioni civili, a Montecitorio un’iniziativa a favore della legge
L’iniziativa della Linfa il 23 febbraio (29/01/2008)


Venti milioni di euro per i consultori familiari
Intesa del Ministero della Famiglia con le Regioni (14/01/2008)


Adiconsum: «Mister Prezzi utile, ma combatta le speculazioni»
Tre le priorità: carburanti, filiera alimentare, osservatori (15/01/2008)


Home | Credits | Accessibilità | Termini e condizioni d’uso
Copyright © Città Metropolitana di Torino
Il sito è stato realizzato dall’ATI costituita da Apiceuropa Società Cooperativa, itaùt - information technology automazione di Gianfranco Osenga e da Pierangelo Bassignana
Sportello di informazione sociale - Via Bologna, n. 153 - 10152 Torino, Tel. 011.8614775 - Fax 011.8614844, E-mail: sportellosociale@provincia.torino.it
Numero Verde
  800666060