logo provincia di Torino
vai a areaFAMIGLIE vai a tipoNews
segui il nostro RSS (nuova finestra)    seguici su facebook (nuova finestra)    seguici su twitter (nuova finestra)

cerca nell'archivio
  • tipo ricerca
  •      

Valid XHTML 1.0 Strict   CSS Valido!
WCAG 1.0 (Level A)
C’è l’accordo per le adozioni in Cina
La soddisfazione del Ministero per la Famiglia (27/11/2007)


«Si è chiuso oggi l'iter dell'accordo per le adozioni internazionali tra Italia e Cina». A comunicarlo è una nota del Ministero delle Politiche per la famiglia che spiega come «un impulso determinate all'intesa politica era stato dato dal ministro delle Politiche per la famiglia Rosy Bindi a Pechino in occasione della visita in Cina del presidente del Consiglio Romano Prodi, nel settembre 2006». Con uno scambio di lettere in materia di adozioni «termina - si legge nella nota - un complesso negoziato che si trascinava da nove anni».

La conclusione dell'accordo «è un risultato di straordinaria importanza - si sottolinea nella nota - frutto soprattutto dell'attuale, forte sviluppo delle relazioni bilaterali tra Italia e Cina e dell'impegno congiunto dei ministeri degli Affari Esteri, delle Politiche per la famiglia e dell'ambasciata italiana a Pechino». Il ministro della Famiglia si dice «molto contenta di questo risultato, che è un'intesa di grande portata che ci permetterà di rispondere alle attese di tante coppie italiane e di tanti bambini cinesi».

L'accordo entrerà in vigore formalmente all'avvenuto scambio degli strumenti di ratifica; nel frattempo, per avviare prima possibile l'applicazione dell'intesa e il conseguente avvio del programma di adozioni, una delegazione tecnica guidata dal presidente del China Center for Adoption Affairs e da funzionari dei ministeri degli Affari civili ed esteri sarà a Roma, dal 15 al 18 dicembre prossimi, per incontrare il ministero delle Politiche per la famiglia Rosy Bindi in qualità di presidente della Commissione adozioni internazionali e per definire le modalità operative del procedimento adottivo, con particolare riferimento all'attività degli enti italiani autorizzati a operare in Cina.



Fonte: Redattore sociale , 27/11/2007


pubblicato: 28-11-2007 - modificato: 18-04-2008




FORMATO STAMPA

torna alla pagina precedente    
   vedi anche:

Progetto Yesme
percorsi di intervento a favore di giovani disoccupati


Contributo alla locazione
Bando riduci affitto


Edilizia pubblica: nelle Marche programma straordinario da 10 milioni di euro
Previsti 138 interventi su elenchi di interventi prioritari (29/01/2008)


Unioni civili, a Montecitorio un’iniziativa a favore della legge
L’iniziativa della Linfa il 23 febbraio (29/01/2008)


Venti milioni di euro per i consultori familiari
Intesa del Ministero della Famiglia con le Regioni (14/01/2008)


Adiconsum: «Mister Prezzi utile, ma combatta le speculazioni»
Tre le priorità: carburanti, filiera alimentare, osservatori (15/01/2008)


Home | Credits | Accessibilità | Termini e condizioni d’uso
Copyright © Città Metropolitana di Torino
Il sito è stato realizzato dall’ATI costituita da Apiceuropa Società Cooperativa, itaùt - information technology automazione di Gianfranco Osenga e da Pierangelo Bassignana
Sportello di informazione sociale - Via Bologna, n. 153 - 10152 Torino, Tel. 011.8614775 - Fax 011.8614844, E-mail: sportellosociale@provincia.torino.it
Numero Verde
  800666060