logo provincia di Torino
vai a areaFAMIGLIE vai a tipoNews
segui il nostro RSS (nuova finestra)    seguici su facebook (nuova finestra)    seguici su twitter (nuova finestra)

cerca nell'archivio
  • tipo ricerca
  •      

Valid XHTML 1.0 Strict   CSS Valido!
WCAG 1.0 (Level A)
Class action, per il MOIGE i cittadini non sono solo consumatori
Una dichiarazione del Movimento Italiano Genitori (19/11/2007)


La class action, l'azione collettiva risarcitoria, rappresenta un importante passo avanti verso una maggiore garanzia per il cittadino di far valere i propri diritti. L'emendamento alla legge Finanziaria approvato al Senato che prevede l'introduzione della class action nel nostro ordinamento giuridico pecca però in un punto fondamentale: il singolo viene considerato esclusivamente nella veste di consumatore/utente e non quale soggetto di una molteplicità di diritti.

La norma rimane così esclusivamente orientata a una concezione di cittadino nella sua entità di consumatore, tralasciando ambiti importantissimi della vita di ogni individuo, come le questioni ambientali e quelle sanitarie, ma anche le forme di discriminazione come quelle sessuali o quelle subite dalle persone diversamente abili.

Lo sforzo fatto dai promotori dell'emendamento per andare oltre a questo evidente limite concettuale si è per ora esclusivamente concretizzato nella possibilità di individuare con un successivo decreto ministeriale, “Altri soggetti portatori di interessi collettivi”, fra le figure legittimate a rappresentare le istanze dei cittadini.

Il Movimento Italiano Genitori (MOIGE) auspica che nella discussione dell'emendamento alla Camera l'attenzione si focalizzi maggiormente sul cittadino in quanto tale, affinché si possa parlare di class action come strumento di garanzia e di tutela di tutti gli interressi collettivi.



Fonte: Vita , 19/11/2007


pubblicato: 21-11-2007 - modificato: 27-02-2009




FORMATO STAMPA

torna alla pagina precedente    
   vedi anche:

Progetto Yesme
percorsi di intervento a favore di giovani disoccupati


Contributo alla locazione
Bando riduci affitto


Edilizia pubblica: nelle Marche programma straordinario da 10 milioni di euro
Previsti 138 interventi su elenchi di interventi prioritari (29/01/2008)


Unioni civili, a Montecitorio un’iniziativa a favore della legge
L’iniziativa della Linfa il 23 febbraio (29/01/2008)


Venti milioni di euro per i consultori familiari
Intesa del Ministero della Famiglia con le Regioni (14/01/2008)


Adiconsum: «Mister Prezzi utile, ma combatta le speculazioni»
Tre le priorità: carburanti, filiera alimentare, osservatori (15/01/2008)


Home | Credits | Accessibilità | Termini e condizioni d’uso
Copyright © Città Metropolitana di Torino
Il sito è stato realizzato dall’ATI costituita da Apiceuropa Società Cooperativa, itaùt - information technology automazione di Gianfranco Osenga e da Pierangelo Bassignana
Sportello di informazione sociale - Via Bologna, n. 153 - 10152 Torino, Tel. 011.8614775 - Fax 011.8614844, E-mail: sportellosociale@provincia.torino.it
Numero Verde
  800666060