logo provincia di Torino
vai a areaVOLONTARIATO E TERZO SETTORE vai a tipoNews
segui il nostro RSS (nuova finestra)    seguici su facebook (nuova finestra)    seguici su twitter (nuova finestra)

cerca nell'archivio
  • tipo ricerca
  •      

Valid XHTML 1.0 Strict   CSS Valido!
WCAG 1.0 (Level A)
Roma, i cibi del discount alle mense per poveri
Iniziativa sperimentale nell’ambito di “Roma non spreca” (14/11/2007)



Conviene alle aziende, fa bene all'ambiente e sostiene i bisognosi. È l'accordo siglato dall'assessore alle Politiche sociali del Comune di Roma Raffaela Milano e l'amministratore delegato della Iges (Gruppo Todis) Carlo Ricci. L'iniziativa sperimentale -che rientra nel progetto "Roma non spreca"- parte giovedì 15 novembre e coinvolgerà 55 punti vendita della Capitale per sei mesi. Il protocollo d'intesa tra il Campidoglio e la catena di discount mira a recuperare le eccedenze alimentari e a distribuirle ad associazioni di volontariato. Scatolame, pane, pasta e buona parte dei prodotti Todis arriveranno sulle tavole delle famiglie più indigenti e delle mense per i poveri. Il meccanismo è semplice: quotidianamente gli addetti della Piattaforma alimentare Todis di Fiano Romano (che serve tutti i discount della Capitale) destineranno al "mercato della solidarietà" quei prodotti considerati invendibili perché confezionati male o con etichette sbagliate. L'elenco delle eccedenza sarà comunicato all'ufficio comunale "Roma non spreca" e gli operatori provvederanno a distribuire la merce alle associazioni di volontariato che aderiscono al progetto.

'Si tratta di una strategia importante che intendiamo allargare - spiega la Milano -. È un buon segnale per la città. Il prossimo passo sarà coinvolgere i mercati rionali'. Nell'ambito di "Roma non spreca", ricorda la Milano, 'in otto mesi più di una tonnellata di pesce sequestrato ai pescatori di frodo è stato distribuito alle associazioni di volontariato'. In generale, sottolinea l'assessore, 'nel 2006 la Piattaforma alimentare della solidarietà ha recuperato 142.860 chilogrammi di cibo che sono andati ai meno abbienti'. 'Abbiamo aderito con gioia a questa iniziativa del Comune - afferma Ricci -. Oltre all'importante scopo benefico, risparmiamo i costi di smaltimento di questa merce, ancora buona, ma invendibile. In questo modo, non mandiamo nulla in discarica e salvaguardiamo l'ambiente'.



Fonte: Redattore sociale , 14/11/2007



pubblicato: 14-11-2007 - modificato: 10-05-2012




FORMATO STAMPA

torna alla pagina precedente    
   vedi anche:

Registro delle associazioni di promozione sociale
Aggiornato a febbraio 2012


Registro delle organizzazioni di volontariato
Aggiornato a febbraio 2012


Gli italiani e l’impegno sociale secondo l’Eurispes
Il Rapporto fotografa lo stato di salute del volontariato in Italia (25/01/2008)


Legambiente, PM10 alle stelle già nei primi giorni del 2008
All’Ilva di Taranto il primato dell’inquinamento industriale (22/01/2008)


Il Forum Sociale Mondiale diventa “diffuso”
Oltre 700 eventi organizzati in 80 Paesi (22/01/2008)


Ecco cosa fare per il disarmo
Controllarmi risponde a Massimo D’Alema (15/01/2008)


Home | Credits | Accessibilità | Termini e condizioni d’uso
Copyright © Città Metropolitana di Torino
Il sito è stato realizzato dall’ATI costituita da Apiceuropa Società Cooperativa, itaùt - information technology automazione di Gianfranco Osenga e da Pierangelo Bassignana
Sportello di informazione sociale - Via Bologna, n. 153 - 10152 Torino, Tel. 011.8614775 - Fax 011.8614844, E-mail: sportellosociale@provincia.torino.it
Numero Verde
  800666060