Città Metropolitana di Torino logo
vai a areaMinori e Famiglie in separazione vai a tipoNews
segui il nostro RSS (nuova finestra)    seguici su facebook (nuova finestra)    seguici su twitter (nuova finestra)

cerca nel sito
  • tipo ricerca
  •      
Il coniuge divorziato perde l'assegno se crea una nuova famiglia di fatto
Cambia la giurisprudenza. Importanti principi sanciti dalla Suprema Corte nella sentenza n. 6855/2015


La formazione di una nuova famiglia di fatto da parte del coniuge divorziato determina la perdita definitiva dell'assegno divorzile di cui medesimo benefici. ╚ questo il principio sancito dalla Corte di Cassazione Sez. I Civile nella sentenza del 3.4.2015 n. 6855.

La vicenda vede un ex marito che ha tentato inutilmente dinanzi ai giudici di merito di non far riconoscere alla propria ex moglie l'assegno di divorzio in quanto quest'ultima aveva creato uno vera e propria famiglia di fatto con un altro uomo, ma i giudici avevano ritenuto che la convivenza "more uxorio" rileva solo in quanto "incida sulla concreta e reale situazione" della donna risolvendosi in una condizione e fonte effettiva di reddito.

La Corte di Cassazione non Ŕ stata, invece, dello stesso avviso, avendo rilevato nella sentenza in esame che l'espressione "famiglia di fatto" non consiste solo nel convivere come coniugi, ma indica prima di tutto una "famiglia", portatrice di valori si stretta solidarietÓ di arricchimento e sviluppo della personalitÓ di ogni componente e di educazione e di istruzione dei figli.

Ad avviso della Corte la convivenza si trasforma, quindi, in una vera e propria "famiglia di fatto" se assume i connotati di stabilitÓ e continuitÓ ed i conviventi elaborino un progetto ed un modello di vita in comune analogo a quello del matrimonio con la conseguenza che mentre, quindi, un nuovo matrimonio fa cessare automaticamente il diritto del coniuge divorziato all'assegno, nel caso di "famiglia di fatto" sarÓ necessario un accertamento ed una pronuncia giurisdizionale.

Un passaggio motivazionale importante nella sentenza riguarda poi il richiamo alla giurisprudenza nettamente maggioritaria che spiega il fenomeno come una sorta di "quiescenza" del diritto all'assegno divorzile che potrebbe riproporsi in caso di rottura della convivenza tra i familiari di fatto.

La Suprema Corte, per contro, riesaminando la questione ha ritenuto come appaia sicuramente pi¨ coerente l'affermazione che una famiglia di fatto , espressione di una scelta esistenziale, libera e consapevole, da parte del coniuge, eventualmente potenziata dalla nascita di figli (ci˛ che dovrebbe escludere ogni residuo di solidarietÓ postmatrimoniale con l'altro coniuge) dovrebbe essere necessariamente accompagnata dall'assunzione piena di un rischio, in relazione alle vicende successive alla famiglia di fatto, mettendosi in conto la possibilitÓ di una cessazione del rapporto tra conviventi (ferma restando la permanenza di ogni obbligo verso i figli).

Sulla base di tale motivazione la Cassazione ha deciso direttamente nel merito la questione rigettando la domanda di assegno divorzile proposta dalla ex moglie.

Fonte: Corte di Cassazione


pubblicato: 15-04-2015 - modificato: 23-04-2015




FORMATO STAMPA

torna alla pagina precedente    
   vedi anche:

Laboratorio per separati
Venerdý 13 novembre alle ore 21 presso il Punto Familia avrÓ inizio un nuovo Laboratorio Separati


Gruppo di parola per figli di genitori separati
a Torino per bambini dai 6 agli 8 anni


Nutrire le relazioni. La mediazione come cultura e come pratica
Convegno Internazionale a MIlano il 9 ottobre 2015


Dalla potestÓ genitoriale alla responsabilitÓ genitoriale nel superiore interesse del minore
Gruppo Abele, 20 - 21 maggio 2015


Ultime novitÓ dal diritto di famiglia
Scuola Superiore della Magistratura - Incontro di studio


Home | Credits | Accessibilità | Termini e condizioni d’uso
Copyright © Città Metropolitana di Torino
Il sito è stato realizzato dall’ATI costituita da Apiceuropa Società Cooperativa, itaùt - information technology automazione di Gianfranco Osenga e da Pierangelo Bassignana
Sportello di informazione sociale - Via Bologna, n. 153 - 10152 Torino, Tel. 011.8614775 - Fax 011.8614844, E-mail: sportellosociale@provincia.torino.it

Numero Verde
  800666060