Città Metropolitana di Torino logo
vai a areaMinori e Famiglie in separazione vai a tipoMed. Cons. fam. - Dove trovare
segui il nostro RSS (nuova finestra)    seguici su facebook (nuova finestra)    seguici su twitter (nuova finestra)

cerca nel sito
  • tipo ricerca
  •      
Il servizio di mediazione familiare del Tribunale di Varese
Cos'è e come funziona il servizio di Mediazione Familiare

Cos'è e come funziona il servizio di Mediazione familiare

Il servizio di mediazione familiare è un per­corso per la riorganizzazione delle relazioni in vista o in seguito a conflitti familiari, in un contesto strutturato in cui un terzo neutrale con una formazione specifica, nella garanzia della riservatezza, aiuta ad elaborare un programma soddisfacente
per sé e per i fa­miliari.
Con l'aiuto dei mediatori, e anche attraverso la collaborazione con i loro professionisti di fiducia, i componenti della famiglia possono dialogare per prendere le decisioni più op­portune nell'interesse proprio e di tutta la famiglia.

A chi si rivolge
Il servizio è offerto non solo per casi di separazione e di divorzio ma anche nelle altre vicende conflittuali che possono riguar­dare la famiglia: nei rapporti tra genitori e figli, nell'assistenza al parente non
autosuffi­ciente, nei casi di amministrazione di soste­gno o interdizione.

I mediatori familiari
I mediatori sono professionisti avvocati, psi­cologi, pedagogisti, assistenti sociali specifi­camente formati alla mediazione familiare, che opereranno congiuntamente in co­mediazione.
È sempre garantita la compresenza di un mediatore di formazione giuridica e di un mediatore con formazione psico-sociale.

Il percorso di mediazione
Il Servizio può essere attivato dagli interessati o dai loro avvocati, disgiuntamente o congiuntamente, con semplice domanda scritta da presentarsi alla segreteria dell'Organismo di Conciliazione Forense di Varese.
Non appena ricevuta la domanda la segreteria nominerà i mediatori familiari, tra quelli inseriti in apposito elenco, salvo che le parti concordemente non scelgano direttamente dallo stesso elenco i mediatori di loro comune fiducia.
I mediatori scelti dalle parti o nominati dall'organismo fisseranno entro 15 giorni una prima conferenza introduttiva, a cui parteciperanno le parti con gli avvocati che le assistono.
Sarà l'occasione per mettere a punto un programma o un metodo condiviso per la trattazione delle questioni proposte dalle parti e per la soluzione delle problematiche più urgenti.
Se le parti decidono di proseguire nel percorso di mediazione familiare saranno fissati successivi incontri.

Quanto dura
Il percorso di mediazione dura in media 5-8 incontri di circa un'ora e mezza.
Al termine del percorso è sempre prevista una riunione congiunta del gruppo di lavoro, composto dalle parti, dai loro avvocati e dai mediatori per lo verifica delle ipotesi di intesa che siano state eventualmente raggiunte.

Per approfondimenti:
- Tribunale di Varese


pubblicato: 15-09-2014 - modificato: 06-10-2014




FORMATO STAMPA

torna alla pagina precedente    

Home | Credits | Accessibilità | Termini e condizioni d’uso
Copyright © Città Metropolitana di Torino
Il sito è stato realizzato dall’ATI costituita da Apiceuropa Società Cooperativa, itaùt - information technology automazione di Gianfranco Osenga e da Pierangelo Bassignana
Sportello di informazione sociale - Via Bologna, n. 153 - 10152 Torino, Tel. 011.8614775 - Fax 011.8614844, E-mail: sportellosociale@provincia.torino.it

Numero Verde
  800666060