Città Metropolitana di Torino logo
vai a areaPARI OPPORTUNITÀ vai a tipo
segui il nostro RSS (nuova finestra)    seguici su facebook (nuova finestra)    seguici su twitter (nuova finestra)

cerca nel sito
  • tipo ricerca
  •      

Valid XHTML 1.0 Strict   CSS Valido!
WCAG 1.0 (Level A)
Parità nelle retribuzioni

Insieme alle minori opportunità di carriera, le differenze nelle retribuzioni tra uomini e donne costituiscono un altro aspetto della segregazione verticale. I redditi da lavoro percepiti dalle donne sono sistematicamente inferiori a quelli maschili e ciò non dipende dall'età, dalla posizione della professione o dal settore, in quanto il divario è notevole anche tenendo sotto controllo queste variabili.
Il divario è maggiore nel terziario privato rispetto all'industria e al terziario pubblico. Le differenze crescono al crescere dello status della professione, ma sono molto alte per le operaie del terziario privato.
Alcune ricerche mettono in luce che le lavoratrici italiane guadagnano dal 20% al 25% in meno dei lavoratori dell'altro sesso, mentre nel resto d'Europa il divario retributivo è intorno al 23%. Questo forte divario retributivo in buona parte dipende dal fatto che più delle donne gli uomini occupano posizioni elevate nella scala gerarchica delle organizzazioni, sono maggiormente presenti nei comparti dove le retribuzioni sono più alte e sono più presenti nelle aziende medio-grandi dove i salari sono più tutelati dall'azione sindacale; oltre che dal fatto che le donne fanno più assenze e meno straordinari, dati gli obblighi familiari.

Tra i fattori che concorrono a determinare i divari retributivi in Italia e in Europa ci sono l'età, il titolo di studio e il tipo di occupazione.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti:
- Divario salariale - Unione Europea
- Salari uomini e donne - Commissione Europea
- Direttiva 2006/54/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 5 luglio 2006 ("Attuazione del principio delle pari opportunità e della parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e impiego")
- Decreto legislativo 25 gennaio 2010, n. 5 ("Attuazione della Direttiva 2006/54/CE relativa al principio delle pari opportunità e della parità di trattamento fra uomini e donne in materia di occupazione e impiego")
- Donne acrobate tra lavoro e famiglia (Intrage)



pubblicato: 30-12-2002 - modificato: 04-10-2010




FORMATO STAMPA

torna alla pagina precedente    

Home | Credits | Accessibilità | Termini e condizioni d’uso
Copyright © Città Metropolitana di Torino
Il sito è stato realizzato dall’ATI costituita da Apiceuropa Società Cooperativa, itaùt - information technology automazione di Gianfranco Osenga e da Pierangelo Bassignana
Sportello di informazione sociale - Via Bologna, n. 153 - 10152 Torino, Tel. 011.8614775 - Fax 011.8614844, E-mail: sportellosociale@provincia.torino.it

Numero Verde
  800666060