Città Metropolitana di Torino logo
vai a areaIMMIGRAZIONE vai a tipo
segui il nostro RSS (nuova finestra)    seguici su facebook (nuova finestra)    seguici su twitter (nuova finestra)

cerca nel sito
  • tipo ricerca
  •      

Valid XHTML 1.0 Strict   CSS Valido!
WCAG 1.0 (Level A)
Immigrazione illegale


Si tratta dell'immigrazione che non rispetta le norme che regolano l'ingresso e il soggiorno di stranieri in uno Stato. Negli ultimi 20 anni la maggior parte dei Paesi cosiddetti a sviluppo avanzato ha adottato politiche restrittive rispetto all'ingresso di migranti, aumentando la richiesta di requisiti necessari e intensificando i controlli alle frontiere. Di fronte a tali limitazioni, un numero crescente di persone utilizza i canali illegali per entrare in un Paese di cui non è cittadino, perché non è nella condizione o non ha la possibilità di soddisfare i requisiti richiesti per l'ingresso.

Il fenomeno dell'immigrazione illegale è rilevante, dal momento che riguarda milioni di persone e, proprio per il suo carattere d'illegalità e clandestinità, comporta molti rischi per l'incolumità e la salvaguardia dei diritti fondamentali delle persone coinvolte. Esse sono uomini e donne in cerca di lavoro (queste ultime spesso costrette alla prostituzione), bambini, famiglie che cercano di sottrarsi alla povertà e molte persone che fuggono da guerre o persecuzioni.

Secondo stime dell'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM, in inglese) sono dai 15 ai 30 milioni i migranti irregolari nel mondo, di cui circa 3 milioni negli Stati membri dell'Unione europea (circa 650.000 al 2009 in Italia). L'OIM stima che ogni anno quasi 500.000 persone tentino di superare illegalmente le frontiere dell'Unione Europea, mentre circa 700.000 donne e bambini siano coinvolti nel traffico di esseri umani a livello mondiale. Secondo l'Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL, in inglese), negli ultimi anni in Europa si sono rivolti al traffico illegale dal 15% al 30% dei migranti e dal 20% al 40% dei richiedenti asilo. Anche coloro che avrebbero il diritto, riconosciuto a livello internazionale, di trasferirsi in un altro Paese in quanto perseguitati in patria, dunque, in molti casi si rivolgono ai canali illegali del traffico di migranti pur essendo nelle condizioni di ottenere lo status di rifugiato (secondo l'Alto commissariato ONU per i rifugiati-ACNUR, oltre un terzo dei profughi costretti a ricorrere al traffico illegale vengono poi riconosciuti come rifugiati nell'UE).

L'immigrazione illegale, per le condizioni in cui viene praticata, è spesso causa di tragedie che mettono a rischio la vita degli aspiranti immigrati. Le organizzazioni criminali internazionali che organizzano il traffico illegale di persone (per un giro d'affari globale stimato dall'ACNUR in 5-7 miliardi di euro ogni anno), per eludere i crescenti controlli alle frontiere ricercano vie d'ingresso sempre più pericolose.

Le numerose regolarizzazioni e sanatorie messe in atto negli anni da tutti i Paesi di immigrazione a favore di stranieri residenti illegalmente sul loro territorio, dimostrano l'inefficacia delle politiche di chiusura delle frontiere per contrastare l'immigrazione illegale.

Secondo la normativa italiana, sono considerati clandestini gli stranieri che sono entrati in Italia senza regolare visto di ingresso e irregolari gli stranieri che hanno perduto i requisiti necessari per la permanenza sul territorio nazionale (permesso di soggiorno scaduto e non rinnovato), di cui erano però in possesso all'ingresso in Italia. Tali immigrati devono essere respinti alla frontiera o espulsi. Per coloro i quali non è possibile procedere all'espulsione perché bisognosi di soccorso, occorre compiere accertamenti sulla loro identità o nazionalità e preparare i documenti per il viaggio. Se non è disponibile un mezzo di trasporto idoneo devono essere trattenuti (previo provvedimento del questore convalidato dal magistrato) presso Centri di Identificazione ed Espulsione (CIE, gli ex Centri di Permanenza Temporanea), in teoria per il tempo strettamente necessario alla loro identificazione ed espulsione.

La legge sull'immigrazione, inoltre, prevede pene severe per chi favorisce l'immigrazione illegale (art. 11) e introduce l'arresto da sei mesi a un anno per gli stranieri espulsi che rientrano nel territorio italiano (si veda la scheda che tratta il tema dell'espulsione).



Per approfondimenti e maggiori informazioni:
- Cestim: documentazione sull'immigrazione clandestina
- Immigrazione clandestina e irregolare sul sito del Ministero dell'Interno e sezione specifica dedicata alla tratta di esseri umani
- L'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM, sito in lingua inglese) sul traffico di persone
- Le vittime dell'emigrazione
- Banca dati su immigrazione e asilo




pubblicato: 22-01-2003 - modificato: 04-12-2012




FORMATO STAMPA

torna alla pagina precedente    

Home | Credits | Accessibilità | Termini e condizioni d’uso
Copyright © Città Metropolitana di Torino
Il sito è stato realizzato dall’ATI costituita da Apiceuropa Società Cooperativa, itaùt - information technology automazione di Gianfranco Osenga e da Pierangelo Bassignana
Sportello di informazione sociale - Via Bologna, n. 153 - 10152 Torino, Tel. 011.8614775 - Fax 011.8614844, E-mail: sportellosociale@provincia.torino.it

Numero Verde
  800666060