Città Metropolitana di Torino logo
vai a areaFAMIGLIE vai a tipo
segui il nostro RSS (nuova finestra)    seguici su facebook (nuova finestra)    seguici su twitter (nuova finestra)

cerca nel sito
  • tipo ricerca
  •      

Valid XHTML 1.0 Strict   CSS Valido!
WCAG 1.0 (Level A)
La comunione dei beni


Secondo la legge, il regime della comunione dei beni Ŕ automatico.
La scelta del regime di separazione dei beni, per i matrimoni civili, va fatta all'Ufficiale dello Stato Civile mentre, per i matrimoni religiosi, va fatta al Ministro di culto. Per la separazione dei beni, dopo il matrimonio sia civile che religioso, occorre un atto stipulato davanti al notaio.

La comunione legale dei beni
Tra i molti sostanziali cambiamenti introdotti dalla riforma del diritto di famiglia del 1975 si annovera anche la sostituzione del regime legale di separazione dei beni con quello della comunione.

Ci˛ comporta che se gli sposi non stipulano alcuna diversa convenzione tra loro, ovvero, pur avendola stipulata omettono di renderla pubblica nei modi previsti, i loro rapporti patrimoniali saranno regolati dalle norme sulla comunione legale di cui agli art. 177 e seguenti del Codice civile.

Secondo l'art. 177 del Codice civile, costituiscono oggetto della comunione:
separatore gli acquisti compiuti dai coniugi insieme o separatamente durante il matrimonio, ad esclusione di quelli relativi ai beni personali (beni immediatamente comuni);
separatore i frutti dei beni propri di ciascuno dei coniugi, percepiti e non consumati allo scioglimento della comunione (beni che divengono comuni solo allo scioglimento del regime patrimoniale di comunione);
separatore i proventi dell'attivitÓ separata di ciascuno dei coniugi se, allo scioglimento della comunione, non siano stati consumati (beni che divengono comuni solo allo scioglimento del regime patrimoniale di comunione);
separatore le aziende gestite da entrambi i coniugi e costituite dopo il matrimonio (beni immediatamente comuni). Qualora si tratti di aziende appartenenti ad uno dei coniugi anteriormente al matrimonio ma gestite da entrambi, la comunione concerne solo gli utili e gli incrementi.

Sono beni immediatamente comuni:
separatore gli acquisti di beni mobili ed immobili effettuati, anche singolarmente da ciascuno dei coniugi;
separatore le aziende costituite da entrambi i coniugi dopo il matrimonio;
separatore gli utili delle aziende di proprietÓ esclusiva di un coniuge ma gestite da entrambi.

Fra i beni che rientrano in comunione immediata vi sono anche le azioni di societÓ di capitali e i titoli di Stato.

La comunione convenzionale
╚ una forma particolare di comunione dei beni, modificata con atto notarile per disciplinare analiticamente le categorie di beni da assoggettare alla comunione o meno, ferme restando le disposizioni in ordine all'amministrazione dei beni in comproprietÓ e sulla distribuzione delle quote che deve essere comunque pari al 50%.
In ogni caso rimangono estranei alla comunione i beni personali, quelli che occorrono per lo svolgimento di una professione, i proventi pervenuti a titolo di risarcimento di un danno e come pensione per perdita totale o parziale di capacitÓ lavorativa.

Lo scioglimento della comunione
Secondo l'art. 191 del Codice civile, i motivi di scioglimento della comunione si concentrano sulle fattispecie dell'annullamento del matrimonio e dello scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio.

Sinteticamente si pu˛ aggiungere che per annullamento del matrimonio si intende non solo la pronuncia dei tribunali civili ma anche le sentenze dei tribunali ecclesiastici (di nullitÓ) o di autoritÓ straniere che siano dichiarate efficaci con la procedura di delibazione avanti la Corte d'Appello.

Sia nell'ipotesi di nullitÓ che di annullamento, ovvero di scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio, il momento in cui si produce la cessazione della comunione legale coincide con il passaggio in giudicato della sentenza, ovvero con il trascorrere del termine per proporre l'appello o il ricorso in Cassazione o altro ricorso davanti alla corte superiore.

In caso di separazione personale solo l'omologazione delle condizioni da parte del tribunale determinerÓ lo scioglimento della comunione tra i coniugi con effetto retroattivo dal giorno del deposito del ricorso in cancelleria.

Nessun mutamento potrÓ quindi derivare da una separazione di fatto nÚ dal deposito di un ricorso in tribunale a cui non faccia seguito il controllo con esito positivo delle condizioni di separazione.

Per approfondimenti e maggiori informazioni:
separatore L'approfondimento sul rapporto patrimoniale tra i coniugi



pubblicato: 12-01-2003 - modificato: 15-11-2011




FORMATO STAMPA

torna alla pagina precedente    

Home | Credits | Accessibilità | Termini e condizioni d’uso
Copyright © Città Metropolitana di Torino
Il sito è stato realizzato dall’ATI costituita da Apiceuropa Società Cooperativa, itaùt - information technology automazione di Gianfranco Osenga e da Pierangelo Bassignana
Sportello di informazione sociale - Via Bologna, n. 153 - 10152 Torino, Tel. 011.8614775 - Fax 011.8614844, E-mail: sportellosociale@provincia.torino.it

Numero Verde
  800666060