Città Metropolitana di Torino logo
vai a areaDIPENDENZE vai a tipo
segui il nostro RSS (nuova finestra)    seguici su facebook (nuova finestra)    seguici su twitter (nuova finestra)

cerca nel sito
  • tipo ricerca
  •      

Valid XHTML 1.0 Strict   CSS Valido!
WCAG 1.0 (Level A)
Bassa soglia


Con il concetto di bassa soglia si può intendere sia un target specifico di utenti tossicodipendenti attivi, scarsamente motivati alla disassuefazione fisica e psicologica da sostanze stupefacenti, sia una serie di interventi volti a incontrare questo particolare tipo di utenza al fine di minimizzare i rischi di un aggravarsi della loro situazione sotto il profilo della marginalità sociale, economica, relazionale e sanitaria.
Gli interventi a bassa soglia vengono attuati in genere mediante la somministrazione di farmaci sostitutivi, avviata anche in forme sperimentali (come nel caso della buprenorfina e dell'eroina) oppure si connotano in attività assistenziali e di informazione cosiddette di riduzione del danno.
Esiste una notevole varietà di servizi a bassa soglia: drop-in center, unità di strada, dormitori, centri diurni per adulti in difficoltà, gruppi a bassa soglia all'interno dei Ser.T., ambulatori medici, associazioni, educativa di strada, sportelli di orientamento e sostegno, ecc.

I Servizi a bassa soglia sperimentano un metodo di intervento nuovo, non ancora completamente definito e descritto, ma che ha dimostrato efficacia e valore sanitario.

Tale metodo si basa su:
- rapporto informale;
- multidisciplinarietà dell'équipe (arricchita di nuove figure professionali);
- utilizzo delle strategie di rete e di empowerment per facilitare la fruizione degli altri Servizi e delle risorse personali;
- elevata accessibilità a interventi professionali qualificati quali l'accompagnamento educativo, il contenimento e il supporto psicologico, l'informazione e la presa in carico sanitaria, l'attenzione alla mediazione dei conflitti e alla facilitazione dell'auto-aiuto, la possibilità di fare prevenzione e di contattare il sommerso.

Rimangono non pochi punti problematici:
- la scarsità della letteratura (soprattutto di un approfondimento della realtà italiana, che, rispetto al Nord Europa, favorisce la presa in carico come valore aggiunto al servizio erogato);
- la formazione e il riconoscimento di figure professionali nuove (educatore-pari) o la conversione di prassi professionali appartenenti a figure prima inesistenti in questo ambito (medico e psicologo);
- il dialogo con i Servizi di diverso approccio;
- il passaggio da bassa soglia come "lusso" a bassa soglia come necessità per poter rispondere a una fascia di bisogni altrimenti disattesa.
Fonte: Programma Regionale Dipendenze (Emilia-Romagna); Fuoriluogo.it


Per approfondimenti e altre informazioni:
- I servizi di bassa soglia (Gruppo Abele)


pubblicato: 09-01-2003 - modificato: 27-03-2013




FORMATO STAMPA

torna alla pagina precedente    

Home | Credits | Accessibilità | Termini e condizioni d’uso
Copyright © Città Metropolitana di Torino
Il sito è stato realizzato dall’ATI costituita da Apiceuropa Società Cooperativa, itaùt - information technology automazione di Gianfranco Osenga e da Pierangelo Bassignana
Sportello di informazione sociale - Via Bologna, n. 153 - 10152 Torino, Tel. 011.8614775 - Fax 011.8614844, E-mail: sportellosociale@provincia.torino.it

Numero Verde
  800666060