Prevenzione

Le iniziative di prevenzione possono essere classificate in base a due criteri di riferimento:

- Il livello a cui agisce l'azione di prevenzione. Si parlerà, quindi, di:
1. Prevenzione primaria: interventi di natura sanitaria, sociale, economica ed educativa volti a impedire che un determinato evento nocivo per la salute - in questo caso, l'uso o l'abuso di sostanze - possa manifestarsi;
2. Prevenzione secondaria: interventi di diagnosi precoce, assistenza e cura non svolti nell'ambito di un trattamento clinico in senso stretto, bensì in situazioni diverse - gruppo, strada - con attenzione a persone che di solito non si rivolgono ai servizi;
3. Prevenzione terziaria: interventi riabilitativi di natura sociale, economica e di reinserimento lavorativo volti a impedire l'aggravamento e/o la riproposizione dell'uso di sostanze in una persona che si è già sottoposta a interventi terapeutici ed educativi.

- La strategia di intervento dell'azione di prevenzione, distinguendo così tra prevenzione diretta, svolta direttamente sui più giovani, e prevenzione indiretta, da svolgersi tramite adulti-educatori (insegnanti, sacerdoti, ecc.).

Per ulteriori informazioni:
- Droghe e prevenzione


pubblicato: 09-01-2003 - modificato: 06-12-2011




FORMATO STAMPA

torna alla pagina precedente