Accesso al lavoro


I datori di lavoro non possono discriminare tra gli uomini e le donne all'atto dell'assunzione, per esempio, attraverso offerte di lavoro indirizzate a candidati di un solo sesso, poiché tali decisioni sono contrarie alla legislazione comunitaria e nazionale.

Vi è comunque un'eccezione a questa norma antidiscriminatoria nel caso in cui il sesso dei lavoratori sia un fattore essenziale per un determinato tipo di lavoro.

Se è oggettivamente dimostrato che solo lavoratori di un sesso possono svolgere tutte le mansioni legate a quel posto di lavoro, il datore di lavoro può allora assumere esclusivamente uomini o esclusivamente donne a questo scopo. Per le professioni teatrali o della moda (attori/attrici e indossatori/indossatrici) il sesso può essere considerato un fattore determinante.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti:
- Lavoro e welfare per le donne
- Donne acrobate tra lavoro e famiglia (Intrage)



pubblicato: 30-12-2002 - modificato: 04-10-2010




FORMATO STAMPA

torna alla pagina precedente