Città Metropolitana di Torino logo
sei in area: GIOVANIGIOVANI
segui il nostro RSS (nuova finestra)    seguici su facebook (nuova finestra)    seguici su twitter (nuova finestra)

cerca nel sito
  • tipo ricerca
  •      

Valid XHTML 1.0 Strict   CSS Valido!
WCAG 1.0 (Level A)
Giovani

vademecum

La Repubblica protegge la maternità, l'infanzia, la gioventù: recita così l'articolo 31, II comma, della Costituzione italiana, il più importante riferimento giuridico in materia di giovani.

In Italia sono le Regioni, le Province, i Comuni, le ASL, la Scuola, il Privato Sociale, i soggetti delegati alla promozione e gestione delle politiche giovanili e che, fino agli inizi degli anni Novanta, hanno assolto il proprio compito senza un adeguato supporto legislativo.

E' di quegli anni la Legge 28 agosto 1997, n. 285 ("Disposizioni per la promozione di diritti e di opportunità per l'infanzia e l'adolescenza") che riguardava gli investimenti da destinare alla progettazione su infanzia e adolescenza, ma metteva in luce un approccio teso esclusivamente a offrire sostegno alla marginalità delle tossicodipendenze (DPR 9 ottobre 1990, n. 309) e della devianza minorile (Legge 19 luglio 1991, n. 216), in un ottica di emergenza che il mondo giovanile non merita.

Pur essendo lontani dall'approvazione di una legge quadro, un passo avanti è stato fatto con l'approvazione della Legge 285/97 che istituisce un Fondo nazionale per stimolare interventi a livello nazionale, regionale e locale per favorire la promozione dei diritti, la qualità della vita, la realizzazione individuale e la socializzazione dell'infanzia e dell'adolescenza, privilegiando l'ambiente più naturale per i bambini: la famiglia naturale o, in alternativa, quella adottiva o affidataria.

In questo quadro si colloca la presente sezione: una guida orientativa dei materiali sul tema in rete, che focalizza l'attenzione sui temi più tipici della vita dei giovani: il bisogno di aiuto (negli spazi di ascolto) quindi, ma anche lo studio (scuola, università, studio all'estero), la formazione (formazione professionale o a distanza), il lavoro nelle sue nuove forme (lavoro atipico, temporaneo, all'estero, l'imprenditoria giovanile), la cultura e il tempo libero, l'impegno sociale e politico.

Per approfondimenti e ulteriori contenuti rispetto alle tematiche dell'occupazione e della formazione, suggeriamo di accedere alla sezione Lavoro e Formazione del sito.



Legge regionale 8 gennaio 2004, n.1
Norme per la realizzazione del sistema regionale integrato di interventi e servizi sociali e riordino della legislazione di riferimento
(Modificata dalla Legge regionale 16/2006 e dalla Legge regionale 22/2007)




pubblicato: 29-01-2004 - modificato: 14-06-2013




FORMATO STAMPA

Home | Credits | Accessibilità | Termini e condizioni d’uso
Copyright © Città Metropolitana di Torino
Il sito è stato realizzato dall’ATI costituita da Apiceuropa Società Cooperativa, itaùt - information technology automazione di Gianfranco Osenga e da Pierangelo Bassignana
Sportello di informazione sociale - Via Bologna, n. 153 - 10152 Torino, Tel. 011.8614775 - Fax 011.8614844, E-mail: sportellosociale@provincia.torino.it

Numero Verde
  800666060